Hand Tool Headlines

The Woodworking Blogs Aggregator

 

Be sure to visit the Hand Tool Headlines section - scores of my favorite woodworking blogs in one place.  Also, take note of Norse Woodsmith's latest feature, an Online Store, which contains only products I personally recommend.  It is secure and safe, and is powered by Amazon.

Search

The Clearance Angle: L'angolo di spoglia inferiore

Subscribe to The Clearance Angle:  L'angolo di spoglia inferiore feed
The clearance angleAndreahttp://www.blogger.com/profile/11238064480032889083noreply@blogger.comBlogger67125
Updated: 45 min 25 sec ago

In memory of Steve LaMantia

Sun, 03/05/2017 - 12:47pm
In memoria di Steve LaMantia




Maybe Steve LaMantia's name does not mean anything to you, but you surely know the thing that he gave a name to: the Scary Sharp (with the TradeMark symbol of the course).
Steve has recently passed away and although I do not know him personally, I have often used the scary sharp method and so I am glad to remember him with an article I wrote four years ago.
In Italian only, sorry.

Forse il nome Steve LaMantia non vi dice niente, ma sicuramente conoscete la cosa a cui lui ha dato un nome: lo Scary Sharp (con il simbolo del TradeMark ovviamente).
Steve è recentemente scomparso e anche se io non lo conoscevo personalmente, ho usato spesso il metodo scary sharp e quindi mi fa piacere ricordarlo con un articolo che scrissi 4 anni fa.


+++++++


Un'affilatura da urlo


Era il Novembre del 1995 quando un tale di nome Steve LaMantia scriveva un messaggio sul newsgroup (gli antesignani degli odierni forum) rec.woodworking, descrivendo il suo inconsueto metodo di affilatura. Riassumendo molto, egli aveva sostituito alle pietre e alle coti, alcune striscie di carta vetrata di grana via via più sottile incollate su una lastra di vetro. Egli chiamò quel metodo "sandpaper sharpening", ma concluse scherzosamente il messaggio scrivendo che con quel metodo le sue lame erano diventate paurosamente affilate, "scary sharp", e da allora quel termine entrò nell'uso collettivo per indicare l'affilatura ottenuta per mezzo delle carte abrasive.

Da quel giorno è passata molta acqua sotto i ponti. Sullo scary sharp si sono scritti fiumi di parole che trovate facilmente con Google e torrenti di filmati che trovate su YouTube. Mi scuso per queste banali figure retoriche fluviali, ma probabilmente sono stato influenzato da questa primavera particolrmente piovosa.
Inoltre in questi anni sono stati sviluppati nuovi supporti abrasivi, sempre più efficaci ed efficienti. Ma lo scary sharp è in fondo ancora quello di allora: utilizzare le carte abrasive fissate su un supporto piano e rigido, in luogo delle pietre e delle coti.

Questo metodo presenta dei vantaggi e degli svantaggi rispetto agli altri sistemi. Facciamo, per esempio, un contronto con le pietre ad acqua giapponesi (japanese waterstones), che sono uno dei mezzi attualmente più utilizzati.

Il costo è sicuramente l'aspetto più evidente dello scary sharp: con un piccolo investimento iniziale si riescono ad ottenere affilature di qualità pari a quelle ottenibili con un set di pietre giapponesi che possono costare anche diverse centinaia di euro.
Quindi, da questo punto di vista, è sicuramente il miglior metodo per il neofita o per chi non deve affilare quotidianamente i propri ferri. Se invece dovete affilare frequentemente, sul lungo periodo le pietre diventano più convenienti.

Un secondo vantaggio dello scary sharp, ma che per importanza io metterei al primo posto, è che mentre le pietre giapponesi con l'uso si concavizzano e vanno ri-spianate con regolarità, il supporto delle carte abrasive, che solitamente è una spessa lastra di vetro, rimane sempre piano.

Il terzo vantaggio dello scary sharp è il passaggio più graduale da una grana all'altra, che diminuisce i tempi di affilatura. Mi spiego meglio: nelle pietre giapponesi, le particelle abrasive che si fratturano nel processo di affilatura e diventano inservibili, si staccano dalla pietra e vengono spinte via grazie al movimento dei ferri e all'acqua in sospensione, lasciando il posto alle nuove e fresche particelle abrasive sottostanti. La granulometria delle pietre è quindi costante.
Nelle carte abrasive invece, c'è un solo strato utile e le particelle abrasive che vengono frantumate diventano di grana più fine. La granulometria delle carte abrasive è quindi decrementale e il passaggio da una carta di grana grossa ad una di grana più fine è più dolce.

Infine c'è il fattore "rottura di scatole": le pietre, una volta acquistate e riposte in una bacinella d'acqua sono subito pronte pronte all'uso, invece con le carte abrasive, bisogna ritagliarle, preparare il supporto, incollarle o fissarle in qualche altra maniera al supporto e spesso quando viene il momento di usarle ci si accorge che ce ne manca qualcuna e quindi bisogna telefonare a Cristian per farsele spedire urgentemente.

Analizzata la teoria e se l'avete saltata non vi biasimo, vediamo di addentrarci nella pratica.
Come ho già anticipato più volte, lo scary sharp non è altro che l'uso di fogli di carta abrasiva di grana sempre più fine fissati in qualche maniera che vedremo ad un supporto il più possibile piatto e rigido.
Quest'ultimo può essere un pezzo di MDF o di truciolare melaminico di forte spessore, una lastra di marmo, un piano da rettifica in ghisa o in granito o un IPad, ma quello più spesso utilizzato è una lastra di vetro di almeno 1 cm. di spessore.

Per fissare le carte al supporto si può utilizzare la colla spray rimovibile. Si può usare anche dello scotch biadesivo, a patto che non sia spugnoso altrimenti, comprimendosi, rischia di arrotondare il filo degli utensili. Con alcune carte, come quelle che vedremo in seguito, si può sfruttare l'effetto ventosa creato dalla tensione superficiale dell'acqua.

Le carte vetrate utilizzabili per lo scary sharp, sono tutte quelle con un substrato rigido, tipo carta o plastica. Si va dalle carte vetrate comuni e grossolane che utilizzano come abrasivo il Carburo di Silicio, fino ai poliesteri abrasivi con polveri diamantate superfini utilizzate nelle applicazioni ottiche, passando per le carte abrasive di medio-fini che si usano in carrozzeria. Meglio evitare le carte telate o quelle con substrato spugnoso perchè, come suggerito sopra, comprimendosi tendono ad arrotondare il filo delle lame.

Le grane da utilizzare dipendono dalla situazione di partenza e dal grado di affilatura che si vuole ottenere.
Per i lavori di sgrosso, per esempio per aggiustare una lama sbeccata o per modificare l'angolatura del bisello, si può partire da una carta P100 e proseguire per gradi successivi fino dove si desidera, volendo anche alla grana P9000, in cui le particelle abrasive hanno una dimensione di 0.5 micron, che corrisponde approssitivamente ad una pietra giapponese di grana 20000.

Questo pressapochismo nelle equivalenze tra le varie scale che definiscono le granulometrie degli abrasivi è dovuto al fatto che i diversi istituti mondiali che definiscono gli standard, utilizzano dei sistemi di misurazioni diversi. Esistono alcune tabelle di conversione, ma non sono sempre chiare e coerenti tra loro.

Per chiarire ancora meglio in cosa consiste il metodo scary sharp, vediamo un esempio di affilatura eseguita con i 3M Lapping Films.

I 3M Lapping Films sono dei fogli di poliestere spessi 0.075 mm, cosparsi elettrostaticamente di particelle di ossido di alluminio e successivamente fissate con resina. Sono disponibili in varie granulometrie e sono stati inizialmente sviluppati per lavorazioni su fibre ottiche, sui dischi di memoria o per la lappatura piana in metallografia.

Le dimensioni dei fogli sono 215x280 mm (più o meno come un foglio A4) e si possono tagliare in strisce a seconda delle proprie esigenze.

Per fissare le stisce alla lastra di vetro, si può anche usare come al solito la colla spray, ma una particolarità di questi fogli in poliestere è che basta un po' d'acqua per creare l'effetto ventosa necessario per farli stare fermi durante l'uso. Si spruzza un po' d'acqua sulla lastra di vetro e poi si comprimono i fogli facendo uscire tutte le bollicine d'aria e l'acqua in eccesso e a quel punto i fogli rimarranno fermi durante l'affilatura. Così non c'è nemmeno bisogno di usare un solvente per togliere la colla rimasta sulla lastra.


Siccome le lame che ho utilizzato avevano bisogno soltanto di un'affilatura ordinaria, nel senso che non presentavano sbeccature o altri gravi difetti che avrebbero necessatato delle carte vetrate più grossolane, sono partito direttamente con i fogli da 30 micron, quelli di colore verde scuro. Facendo una media tra le varie scale di conversione, questi fogli corrispondono ad una pietra ad acqua di grana tra 400 e 500 oppure ad una carta vetrata P500.



Ho bagnato la lastra di vetro, ho steso la striscia con la parte lucida verso il basso, ho spruzzato un po' d'acqua sulla striscia e poi, tenendo la striscia con due dita, con la prima passata ho "strizzato" l'acqua in eccesso presente sotto la striscia in modo che si "incollasse" al vetro e ho iniziato col movimento avanti-indietro. Tra l'altro, essendo le striscie un po' più lunghe delle pietre tradizionali, ogni "corsa" è più produttiva rispetto alle pietre.


Quando ho cominciato a sentire la bava sul dorso ho dato una qualche passata anche a quest'ultimo e sono passato alla striscia di colore giallo, quella da 12 micron, che corrisponde più o meno ad una pietra ad acqua di grana tra 1000 e 1200 oppure ad una carta vetrata P1500.



Poi, seguendo la stessa procedura, sono passato alla striscia azzurra che ha una grana di 9 Micron, corrispondente alle pietre ad acqua con grana tra 1500 e 2000 o alle carte vetrate P2000.



Infine ho ultimato la procedura con la striscia verde chiara da 1 micron, corrispondente alle pietre ad acqua con grana tra 12000 e 20000 o alle carte vetrate P6000, raggiungendo un'affilatura a specchio, che come potete vedere ha prodotto dei risultati eccellenti. Da paura!


La durata dell'abrasivo dipende da molti fattori (come per esempio la durezza dell'acciaio, la larghezza della lama, lo spessore del bisello e le condizioni di partenza) ed è quindi difficile da calcolare, ma tanto per avere un'idea, con una sola serie di strisce ho affilato agevolmente tre pialle.


Categories: Hand Tools

From Telegram (6)

Fri, 03/03/2017 - 7:08am

Da Telegram (6)

At the end the US Commission on International Trade decided that Bosch infringed two patents owned by SawStop and therefore, excluding extrajudicial economic agreements, Bosch will have to stop selling in the US its circular saws Reaxx and related spare parts included the cartridges that are needed to operate the safety system.
Bosch commented the decision saying that they now hope that the President of the Commission should not ratify it. And the President of the Commission, if I have not misunderstood it, is no other than Donald Trump himself. Yes exactly that Donald Trump that is a lot protectionist and has already flamed with Angela Merkel.


Alla fine la US Commission on International Trade ha deciso che la Bosch ha infranto due brevetti di proprietà della Sawstop e quindi, al netto di accordi economici extragiudiziari, la Bosch dovrà smettere di vendere negli Stati Uniti le sue seghe circolari Reaxx e le relative parti di ricambio incluse le cartuccie che sono necessarie per far funzionare il sistema di sicurezza.
La Bosch ha commentato la decisione dicendo che adesso spera che il Presidente della Commissione non la ratifichi. E il Presidente della commissione, se non ho capito male, è nientepopodimeno che Donald Trump in persona. Sì esatto quel Donald Trump che è molto protezionista e che ha già flammato con Angela Merkel.


http://www.woodworkingnetwork.com/news/woodworking-industry-news/itc-moves-block-bosch-reaxx-saw
http://www.woodworkingnetwork.com/news/woodworking-industry-news/bosch-sawstop-officials-react-itc-ban-reaxx-saw
Categories: Hand Tools

From Telegram (5)

Fri, 03/03/2017 - 6:59am

Da Telegram (5)

Colonel Mark Harrell, owner of Bad Axe Tool Works, has loaded online all the articles he wrote for Fine Woodworking and Furniture & Cabinetmaking magazines.

Il Colonnello Mark Harrell, proprietario di Bad Axe Tool Works, ha messo online tutti gli articoli che ha scritto per le riviste Fine Woodworking e Furniture & Cabinetmaking.

http://www.badaxetoolworks.com/maintenance.php
Categories: Hand Tools

From Telegram (4)

Fri, 03/03/2017 - 6:52am

Da Telegram (4)

A nice infographic, drawed by Kate McMillan, about how to build a traditional north-european wooden plane.

Una bella infografica, disegnata da Kate McMillan, su come costruire una tradizionale pialla di legno in stile nord-europeo.

http://www.kategmcmillan.com/blog-post-1
Categories: Hand Tools

From Telegram (3)

Thu, 01/19/2017 - 4:13am

Da Telegram (3)



For you debauched adepts of Zuckerberg's church, my friend Leo has recently opened a group called WHAT: Woodworking HAnd Tools.

Per voi debosciati adepti della chiesa di Zuckerberg, il mio amico Leo ha recentemente aperto un gruppo che si chiama WHAT: Woodworking Hand Tools.

https://www.facebook.com/groups/199061720560830/
Categories: Hand Tools

From the Telegram Channel (2)

Thu, 01/19/2017 - 4:08am

Dal Canale Telegram (2)



Have no fear... Of the grinder.
In this series of posts, Joel Moskowitz explains why we should not have, how to use and everything else around it.


Non abbiate paura... Della mola.
In questa serie di post, Joel Moskowitz spiega perchè non dovremmo averne, come usarla e tutto il resto intorno.

https://www.toolsforworkingwood.com/store/blog/901
Categories: Hand Tools

From my telegram channel (1)

Sat, 01/14/2017 - 2:08am
Dal mio canale Telegram (1)




The new Quangsheng double marking gauge from Workshop Heaven (no affiliation).

Il nuovo truschino doppio di Quangsheng da Workshop Heaven (nessuna affiliazione).

http://www.workshopheaven.com/quangsheng-twin-stem-marking-gauge.html
Categories: Hand Tools

Telegrams are so vintage...

Sun, 01/01/2017 - 9:33am
I telegrammi sono così vintage...





With this post I want to present you my new Telegram channel: telegram.me/langolodispogliainferiore
Huh? What?

Con questo post voglio presentarvi il mio nuovo canale su Telegram: telegram.me/langolodispogliainferiore
Eh? Cosa?



Since the beginning. Do you know Telegram? It's a cross-platform non-profit instant messaging application and much more. It's similar to WhatsApp and Messenger, but much better and without Zuckerberg on the way.
Among other things it allows the use of "Channels" to send messages from one to many, such as with newsletters or Twitter.

Da capo. Conoscete Telegram? E' un applicazione multipiattaforma, senza scopo di lucro, per scambiarsi messaggi e molto altro. E' simile Whatsapp e Messenger, ma molto meglio e senza Zuckerberg tra gli zebedei.
Tra le altre cose permette di utilizzare dei "Canali" per inviare messaggi da uno a molti, come con le newsletters o Twitter.



Well, my intention is to use this channel to make short reports of interesting things about hand tool woodworking which I find here and there and which I think may be also interesting to others.
A blog post, a photo on instagram, an article in a magazine, a video on youtube, a flame on a forum, a new gauge for dovetail laser marking and anything else that currently I simply just pass to my friends only, now I put at the disposal of anyone who wants to.
I'll be a middle way between a pusher and a DJ.
The posts will be very short: a link and a brief description. And I promise you I will never post more than three a day, although, knowing my lazy nature is easier than they will be actually no more than three a week ("Decrease again!", my friends are suggesting me).

Bene, la mia intenzione è di usare questo canale per fare delle brevi segnalazioni di cose interessanti, che trovo qua e la, relative alla lavorazione manuale del legno e che reputo possano interessare anche ad altri.
Un post di un blog, una foto su instagram, un articolo su una rivista, un video su youtube, una flame su un forum, un nuovo gadget per la tracciatura laser delle code di rondine e qualsiasi altra cosa che normalmente mi limito a girare solo ai miei amici, ora la metterò a disposizione di chiunque voglia
Sarò una via di mezzo tra uno spacciatore e un DJ.
I post saranno brevissimi: un link ed una breve descrizione. E vi prometto che non ne posterò mai più di tre al giorno, anche se conoscendo la mia indole pigra è più facile che saranno effettivamente non più di tre alla settimana ("cala ancora!", mi stanno suggerendo gli amici).



Receiving these messages is simple, download Telegram on your smartphone via Google Play or Itunes and then click on this link: telegram.me/langolodispogliainferiore
From that moment all my new post will be automatically notified you (but notifications may be silenced eh).

Ricevere queste segnalazioni è semplice, scaricate Telegram sul vostro smartphone via Google Play o Itunes e poi cliccate su questo indirizzo: telegram.me/langolodispogliainferiore
Da quel momento ogni mio nuovo post vi verrà automaticamente notificato (ma le notifiche si possono silenziare eh).



Now, the first thing I want to recomend you to inaugurate this channel, is the series of post about ebonizing wood with iron gall ink written by Ralph J. Boumenot, the Accidental Woodworker, which can be found on his blog under the label "ebonizing wood".
Ralph is a great woodworker and one of the most prolific bloggers, but above all it is a good person who always has a good word or a good advice for those who need one. Thank you very nuch for all you do, Ralph.

Ora, la prima cosa che voglio segnalarvi per inaugurare questo canale, è la serie di post sull'ebonizzazione del legno con l'inchiostro ferrogallico scritti da Ralph J. Boumenot, Il Falegname Accidentale, che potete trovare sul suo blog sotto l'etichetta "ebonizing wood".
Ralph è un ottimo falegname ed uno dei blogger più prolifici, ma sopratutto è una brava persona che ha sempre una buona parola o un buon consiglio per chi ne ha bisogno. Grazie per tutto ciò che fai, Ralph.










Categories: Hand Tools